Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

(AGI) – Tokyo, 25 mag. – Un forte terremoto di magnitudo 5,6 gradi sulla scala Richter ha fatto scuotere gli edifici a Tokyo, facendo scattare le sirene d’allarme e bloccando la rete metro della capitale nipponica. L’agenzia meteo giapponese ha comunque escluso il rischio di uno tsunami successivo. L’epicentro e’ stato localizzato nella parte settentrionale della prefettura di Saitama. (AGI) .

(AGI) – Baghdad, 25 mag. – Il premier iracheno, lo sciita Hadeir al Abadi, respinge le accuse statunitensi secondo i quali le forze armate irachene non hanno voluto ostacolare la presa di Ramadi da parte dei jihadisti dell’Isis. Al Abadi promette, in un’intervista alla Bbc, che la citta sara’ ripresa “subito” ma chiede piu’ aiuto a Washington e agli alleati della coalizione internazionale. Si dice stupito delle parole del ministro della Difesa Usa, Ash Carter, che ieri ha accusato “le forze irachene” di non aver “mostrato alcuna volonta’ di combattere”. Secondo al Abadi forse Carte e’ stato “male informato”, sostenendo che le truppe irachene sono state sconvolte dalle tattiche usate da Isis: i miei soldati “volevano combattere ma si sono trovati ad affrontare un’ondata di uomini di Isis spuntati dal nulla con camion blindati imbottiti di esplosivi con l’effetto di una piccola bomba atomica e questo ha avuto un effetto pessimo sulle nostre truppe”, ha sottolineato. (AGI) .

(AGI) – Wang Kelian (Malaysia), 25 mag. – La polizia malese ha scoperto 139 tombe, molte con piu’ di una salma, e 28 campi usati dai trafficanti di essere umani per contrabbandare i migranti nella regione al confine tra la Thailanida e la Malaysia. Lo ha annunciato il capo della polizia malese Khalid Abu Bakar sottolineando che il campo piu’ grande avrebbe potuto ospeitare fino a 300 clandestini. Si tratta della prima operazione su larga scala contro il traffico di esseri umani da quando all’inizio di maggio e’ esplosa la crisi umanitaria dei rohinga, la minoranza musulmana e perseguitata in Birmania, in fuga da Rangoon e respinta, fino ai piu’ cambi di posizione dei governi dell’area, in mare. (AGI) .

(AGI) – Madrid, 24 mag. – I primi dati degli scrutini, il 40%, danno Podemos primo a Madrid e Barcellona. In particolare Manuela Carmena otterrebbe Madrid, roccaforte di Rajoy, e Ada Colau a Barcellona. Con il 33,65% dei voti conteggiati nella capitale catalana, si legge su El Pais, Colau ha ottenuto 12 consiglieri. Ahora Madrid di Manuela Carmena ha ottenuto nella capitale 14,66%. In numeri assoluti il Psoe e’ il primo partito con il 26,18% dei voti. (AGI)

(AGI) – Cannes, 24 mag. – E’ il film Dheepan di Jacques Audiard a vincere la Palma d’Oro del 68esimo Festival di Cannes. L’Italia, quest’anno in competizione con tre pellicole non ha conquistato alcun premio. A Emmanuel Bercot e Rooney Mara la Palma ex aequo per la migliore interpretazione femminile. Vincent Lindon vince il Premio per il miglior interprete maschile. The assassin di Hou Hsiao-Hsien vince il premio della regia. Grand prix a Laszlo Nemes per “A Son of Saul” (AGI)

Si è appena conclusa la finale di Ultra Street Fighter IV allo Stunfest di Rennes che ha visto trionfare Daigo “the beast” Umehara sul suo connazionale Momochi.

Mad-Catz-Daigo-The-Beast-Umehara-01

Daigo è arrivato in finale dopo essersi fatto strada nella loser bracket, eliminando giocatori del calibro di Infiltration, Tokido e Gamerbee. Dopo il reset del vantaggio della winner bracket, l’Evil Ryu di Daigo ha conquistato il set vincente per 3 a 1, confermandosi campione di Street Figher IV e guadagnando la qualificazione alla Capcom Pro Cup.

Riuscirà Daigo a mantenere il momento ottenuto grazie a questa vittoria e conquistare per l’ennesima volta il palco dell’evo, il più grande palcoscenico di sempre per i picchiaduro? È ancora presto per dirlo, ciò che è evidente è che questo ragazzino di 34 anni è ancora carico e possiede ciò che serve ad essere vincente.

Standings per la Capcom Cup: http://capcomprotour.com/standings/

(AGI) – Cannes, 24 mag. – Niente da fare per l’Italia. I film di Matteo Garrone (Il racconto dei racconti), Paolo Sorrentino (La giovinezza) e Nanni Moretti (Mia madre), in concorso al Festival di Cannes e tra i super favoriti della vigilia, rimangono a bocca asciutta. Sia la stampa italiana che internazionale tifava per i nostri tre moschettieri giunti in terra francese a testa alta. La giuria capitanata dai fratelli Coen ha preferito la storia di migrazione Dheepan del francese Jacques Audiard che conquista la Palma d’Oro contro ogni pronostico. L’ungherese Son of Saul, opera prima di Laszlo’ Nemes, tra i piu’ gettonati, ambientato in un campo di concentramento nazista ha conquistato il Grand Prix, mentre il cappa e spada made in China The Assassin di Hou Hsiao-Hsien riceve la Palma per la miglior regia. Vincent Lindon, protagonista di La Loi Du Marche’ di Stephane Brize’, ha ricevuto l’applauso piu’ lungo della platea. E’ lui il miglior interprete di questa edizione del festival. Una performance profonda e toccante che sin dall’inizio ha convinto tutti. Cate Blanchett, considerata come la superfavorita, cede il passo alla compagna di set Rooney Mara: coppia lesbo nel film Carol di Todd Haynes. Il premio (ex aequo) va anche a Emmanuelle Bercot, compagna di Vincent Cassel nel film Mon Roi della francese Maiwenn. Il greco The Lobster di Yorgos Lanthimos con Colin Farrel e Rachel Weisz ambientato in un futuro distopico dove e’ vietato essere single, ha ottenuto il Premio della Giuria, mentre Chronic di Michel Franco, che affronta il tema dell’eutanasia, conquista il premio della sceneggiatura. (AGI)

(AGI) – Atene, 24 mag. – Il ministro dell’Interno greco, Nikos Voutsis, ha affermato che Atene non rimborsera’ nessuna delle quattro rate in scadenza a giugno per la restituzione del prestito al Fondo monetario internazionale. “Le quattro rate per l’Fmi valgono un miliardo e 600 milioni, questo denaro non sara’ versato e non ce n’e’ da versare”, ha dichiarato Voutsis in un’intervista alla tv greca Mega. Intanto il ministro delle Finanze ellenico, Yanis Varoufakis, ha ribadito che il suo governo ha gia’ fatto la sua parte e ha avvertito che un’uscita della Grecia dall’euro sarebbe “catastrofica”, “l’inizio della fine per il processo della moneta unica”. In un’intervista allo show di Andrew Marr sulla Bbc, Varoufakis ha affermato che il suo governo ha fatto “passi enormi” per favorire un accordo nel negoziato con le istituzioni internazionali e ha aggiunto che “ora spetta a queste istituzioni fare la loro parte”. “Gli siamo andati incontro a tre quarti del percorso, ora loro devono venirci incontro facendo quell’ultimo quarto”, ha aggiunto. (AGI) .

Flag Counter