Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

(AGI) – Trapani, 9 giu. – Un romeno di 25 anni picchiava la compagna, una connazionale di 21 anni, per costringerla a prostituirsi a Castelvetrano (Trapani). Con queste accuse l’uomo e’ stato arrestato dai carabinieri. Il Gip di Sciacca, nell’odine di custodia cautelare in carcere, gli contesta i reati di maltrattamenti in famiglia aggravati e favoreggiamento e sfruttamento aggravato della prostituzione. Il romeno procurava i clienti e per ciascuna prestazione sessuale riscuoteva dai 20 ai 50 euro. La vittima veniva malmenata con calci, pugni, schiaffi, e talvolta anche con bottiglie di vetro. Le percosse avrebbero anche causato due aborti, secondo quanto riferito dalla giovane donna, che ha denunciato il partner dopo l’ennesima aggressione: pedate nello stomaco e bottigliate in testa, che hanno reso necessario l’intervento dei medici del pronto soccorso. (AGI) .

(AGI) – Napoli, 9 giu. – I carabinieri indagano a Napoli sulla morte di un uomo trovato cadavere nel quartiere di San Pietro a Patierno. L’uomo della apparente eta’ di 25-30 anni non e’ ancora stato identificato. A segnalare la presenza del corpo in via Mongolfiera, un passante. La salma presenta fori compatibili con ferite d’arma da fuoco alla testa, ed e’ parzialmente carbonizzata. Ai piedi e al collo si notano segni di corde strette. Secondo un primo esame del medico legale, l’uomo sarebbe stato ucciso 12 ore prima circa del rinvenimento del corpo ieri nella tarda serata. (AGI) .

(AGI) – Napoli, 9 giu. – Sono circa 60 le misure cautelari emesse dal gip e dal gip per i minorenni di Napoli nei confronti di affiliati ed elementi di spicco del cartello di clan Giuliano-Sibillo-Brunetti-Amirante, attivo nel quartiere di Napoli di Forcella. I reati contestati vanno dall’associazione a delinquere di stampo mafioso, all’omicidio, al tentato omicidio e al traffico di stupefacenti. L’indagine riguarda in particolare estorsioni capillari nell’area del quartiere Forcella e del vicino rione Maddalena e la gestione di piazze di spaccio di droga nel centro antico della citta’; il cartello, dopo aver allontanato con metodi violenti esponenti di cosche rivali, aveva cominciato a taglieggiare gli operatori economici della zona, anche i titolari e gestori di note pizzerie. Per imporre il proprio controllo del territorio, i clan federati hanno commesso omicidi e tentato anche agguati mortali. (AGI) .

(AGI) – Taranto, 9 giu.- Dalle 11 di stamani inizieranno all’Ilva di Taranto 24 ore di sciopero dopo il grave infortunio sul lavoro avvenuto ieri intorno alle 18.30, all’altoforno 2, dove un operaio trentenne di Martina Franca (Taranto), Alessandro Morricella, e’ stato investito da un violento getto di ghisa ad elevatissima temperatura rimanendo gravemente ustionato. L’annuncio dello sciopero e’ anticipato dai sindacati metalmeccanici che in giornata prenderanno posizione sull’accaduto anche con un documento. L’altoforno 2 e’ stato intanto fermato per motivi di sicurezza alle 3 della scorsa notte. Stando a quanto si apprende, i rappresentanti sindacali della sicurezza avrebbero chiesto all’Ilva una serie di garanzie a cui avrebbe fatto seguito la decisione di fermare temporaneamente l’altoforno 2, uno dei due impianti attualmente in marcia nello stabilimento. L’altro e’ l’altoforno 4, “gemello” al 2 per capacita’ produttiva e dimensioni, mentre gli altiforni 1 e 5 sono fermi rispettivamente fermi da dicembre 2012 e marzo scorso per i lavori di adeguamento alle prescrizioni ambientali dell’Aia. L’altoforno 5, in particolare, e’ il piu’ grande d’Europa.(AGI)

(AGI) – Cleveland, 9 giu. – Strage di quasi 400 maialini per un incidente nell’Ohio, dove un camion che trasportava 2.200 suini si e’ ribaltato in autostrada. E’ accaduto lunedi’ sera sulla Route 35 vicino a Dayton, localita’ americana famosa perche’ ospita la base aerea in cui furono firmati gli accordi di pace per la ex Jugoslavia. La maggior parte dei maialini sono fuggiti nelle campagne circostanti, ma per centinaia di loro non c’e’ stato niente da fare. La polizia ha recuperato i suini morti e ha avviato insieme agli allevatori della zona una caccia ai maialini che, terrorizzati, si aggiravano nei paraggi, rischiando di creare pericoli per le auto in transito. Le tv americane hanno mostrato immagini inconsuete di agenti che portano i suini fuori dalla vegetazione intorno all’autostada, afferrandoli per le zampe posteriori. Illeso il camionista, che e’ indagato per aver perso il controllo del mezzo, mentre una passeggera che si trovava con lui e’ stata portata in ospedale con lievi ferite. Il camion era in viaggio tra South Carolina e Indiana. (AGI)

(AGI) – Sydney, 9 giu. – E’ di 18 feriti il bilancio di un singolare incidente nel bar di un remoto villaggio nel nord-est dell’Australia, dove un’auto e’ piombata dentro il locale e ha causato l’esplosione di una bombola del gas. E’ accaduto intorno a mezzogiorno a Ravenshoe, paesino del Queensland a sud di Cairns. Gli avventori del caffe’ Serves You Right, ti serve bene, nome che suona ironico alla luce dell’incidente, sono stati investiti dalle fiamme prodotte dall’esplosione e tre di loro sono in gravi condizioni. L’auto ha distrutto la vetrina del bar dopo una carambola innescata dallo scontro con un’altra vettura. Testimoni hanno parlato di tre esplosioni udite in tutto il villaggio di un migliaio di abitanti che hanno quasi fatto saltare il tetto del bar. I vigili del fuoco hanno impiegato un’ora per domare l’incendio. (AGI) .

(AGI) – Vibo Valentia, 9 giu. – Sono sbarcati alle prime luci dell’alba nel porto di Vibo Marina 350 migranti provenienti dall’Africa subsahariana. Tre i bambini, due le donne in gravidanza, 272 gli uomini, 75 le donne. I migranti sono giunti con una nave battente bandiera lussemburghese. Le operazioni di sbarco sono state predisposte dal questore di Vibo Valentia, Filippo Bonfiglio, dal vicario, Corrado Basile, e dal capo di gabinetto della Questura, Livio Petralia. Ad accogliere i migranti, medici del 118, associazioni di volontariato locali, protezione civile, carabinieri, polizia e Guardia di finanza. Ai medici del 118 dell’ospedale di Vibo Valentia e’ toccato effettuare le visite sanitarie su tutti i passeggeri. Terminate le operazioni di sbarco, i migranti saranno trasferiti in vari centri di accoglienza sparsi tutto il territorio nazionale. Quello di stamattina e’ il quinto sbarco di migranti che avviene nel porto di Vibo Marina, dopo quelli del 15 settembre, del 4 e del 21 ottobre dello scorso anno e del 19 aprile scorso quando una nave mercantile trasporto’ prima 507 migranti provenienti dalla Libia, poi 850 persone, successivamente 729 migranti ed infine altri 160 immigrati giunti con un aliscafo “jumbo” della compagnia “Ustica line”. (AGI)

(AGI) – Hong Kong, 9 giu. – Il colosso bancario britannico Hsbc, ha annunciato un piano di tagli che potra’ portare alla riduzione dei posti di lavoro fino a un massimo di 25.000 unita’ in tutto il mondo. La stretta fa parte di una ristrutturazione globale che comporta il suo ritiro dal Brasile e dalla Turchia, mentre sta considerando anche di abbandonare Londra come suo quartier generale. In un comunicato alla Borsa di Hong Kong la banca ha affermato che intende risparmiare 5 miliardi di dollari di costi annuali entro due anni. Hsbc, si legge nella nota, “sta ora avviando un rimodellamento significativo della sua attivita’”. (AGI) .

(AGI) – Garmisch-Partenkirchen, 9 giu. – Altro che penalizzare i sindaci che accolgono i profughi: per i primi cittadini d’Italia il governo ha in cantiere un provvedimento per premiare, economicamente, quei comuni che accoglieranno i migranti. L’idea e’ stata lanciata dal ministro Angelino Alfano e sottoscritta dal presidente del consiglio Matteo Renzi: “Dobbiamo dare incoraggiamenti e incentivi anche sul patto di stabilita’ ai comuni che ci danno una mano. C’e’ piena condivisione con quello che ha detto il ministro Alfano”, ha spiegato Renzi in conferenza stampa al termine del G7. Il provvedimento deve essere ancora concepito dal punto di vista normativo e non finira’ nel ddl enti locali. Con ogni probabilita’ occorrera’ attendere. Ma quella del premier e’ stata una risposta ai governatori di Liguria, Lombardia e Veneto che hanno minacciato tagli ai trasferimenti regionali per quei comuni che accoglieranno. Difficile che possa realmente accadere senza incappare nella Corte Costituzionale, ma in ogni caso la sola levata di scudi da parte dell’asse del Nord rischia di vanificare il lavoro del governo a livello europeo. “Non siamo di fronte ad un fenomeno appcalitico” ha detto Renzi stigmatizzando coloro che investono le business della paura. La cifra dei 24mila profughi da spostare dall’Italia, avanzata nel piano della Commissione, e’ giudicata tuttavia e”del tutto inadeguata dal premier”. Quella della quota di migranti, ovvero il numero di profughi da dislocare nei singoli Paesi europei, e’ una partita ancora apertissima che il premier intende giocarsi nel consiglio straordinario del 25-26 giugno. Bisogna andare a dire ai partner europei che bisogna fare di piu’. Non un compito facilissimo quando sono gli stessi governatori italiani a remare contro la dislocazione degli immigrati. Una posizione tanto piu’ incomprensibile per Renzi che ricorda bene come sia stato il ministro Maroni a concepire il piano sull’emergenza immigrati e come quel piano fu firmato anche dal governatore Veneto, Luca Zaia. Per ora e’ il “modello Maroni” a dover essere applicato, ma il premier ha gia’ pronta l’alternativa. Come lui stesso dice, cambiare non e’ questione di giorni, “ma di settimane”. Il primo paso e’ investire nella cooperazione internazionale, un settore caduto nel dimenticatoio con le ultime amministrazioni: “Sulla cooperazione internazionale l’Italia e’ stata, negli ultimi anni, la peggiore nel G7. Dobbiamo ricominciare anche da li’ per dare una risposta al tema degli immigrati”, ha spiegato Renzi. Non basta gridare “abbattiamo le prefetture”, non serve “affondate die barconi”. E anche la risoluzione dell’Onu rischia di sortire l’effetto del pannicello caldo: “La risoluzione Onu e’ utile, ma non e’ con essa che si risolve il problema”. Il premier vuole percio’ in impegno diplomatico forte in Libia. Intanto per costringere le fazioni in campo a dialogare, formare un governo e con esso affrontare la questione dei mercanti di esseri umani. Fatto questo, investire nella cooperazione con i Paesi africani. E per “dare il buon esempio”, Renzi e’ pronto a recarsi in vista ufficiale nel Corno d’Africa, ad Addis Abeba, a meta’ luglio. (AGI) .

(AGI) – Londra, 9 giu. – Erano il simbolo dell’anarchia e della lotta al consumismo, del punk e di un’Inghilterra che non c’e’ piu’. Ma ora anche i Sex Pistols si sono arresi alla globalizzazione economica, prestando la propria immagine alla banca Virgin Money di Richard Branson che gli intitolera’ una linea di carte di credito. A essere utilizzate saranno copertine e immagini simbolo, che richiameranno appunto le correnti anarchiche della fine degli anni ’70 e l’immaginario che circondava il famosissimo gruppo. La banca ha spiegato l’iniziativa con uno slogan: “e’ giunto il tempo per i consumatori di mettere un po’ di ribellione nelle loro tasche”. Il direttore del settore credito, Michele Greene, ha aggiunto che “i Sex Pistols hanno sfidato le convenzioni e il modo di pensare comune, cosi’ come noi stiamo facendo con il nostro tentativo di scuotere il sistema bancario britannico”. Nessun commento e’ arrivato dai componenti di una band la cui storia e’ durata solo tre anni ma che ha fatto cambiare direzione al mondo della musica. Di certo si sa che su un tipo di carta di credito comparira’ la parola ‘bollocks’, parolaccia che indica i testicoli umani ma che viene usata soprattutto per screditare il pensiero di qualcun altro. (AGI)

Flag Counter