Newsletter
Video News
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

(AGI) – Kabul, 4 mag. – Un attentato talebano a Kabul ha ucciso almeno una persone e causato almeno 15 feriti. L’attentato e’ avvenuto nel centro della capitale e torna a insanguinare Kabul nonostante l’avvio del dialogo tra il governo afghano e i talebani in Qatar. Il kamikaze si e’ fatto esplodere al passaggio di un pullman che trasportava gli impiegati dell’ufficio del procuratore generale afghano. Il ministero dell’Interno ha fermamente condannato l’attacco, rivendicato dai talebani afghani. Nel week-end sono arrivati a Doha funzionari del governo di Kabul si sono incontrati con emissari dei talebani per cercare di stabilizzare il Paese, da oltre un decennio piagato dalla guerra. Nelle ultime settimane si sono moltiplicati gli sforzi diplomatici (sono scesi in campo le cancellerie di Pakistan, India, Arabia Saudita, Cina) per cercare di creare le condizioni necessarie per l’apertura dei negoziati. .

(AGI) – Kathmandu, 4 mag. – Gli aerei dell’esercito americano cominciano oggi a trasportare le squadre di soccorso e gli approvvigionamenti nelle zone piu’ remote del Nepal, dove gli aiuti, nove giorni dopo il sisma che ha messo in ginocchio il Paese, sono attesi con grande impazienza. Un aereo da trasporto militare C-17 dell’US Air Force e quattro elicotteri Ospreys sono arrivati a Kathmandu nella tarda serata di domenica. “Faranno da subito la differenza”, ha dichiarato il generale di brigata statunitense, Paul Kennedy, domenica sera. Molti villaggi in Nepal sono isolati da giorni e non ancora raggiunti dagli aiuti.

Estratti vivi in 4 dopo 8 giorni, un superstite ha 101 anni

“Spesso non si capisce che una tenda e’ il bisogno piu’ necessario al momento, contiamo di cominciare le consegne lunedi’ mattina”, ha aggiunto Kennedy. Una fonte dell’ambasciata americana ha confermato che le missioni dovrebbero cominciare nelle prossime ore. .

(AGI) – Taranto, 4 mag. – Inseguivano un ladro di rame quando sonoprecipitati da un ponte nell’area industriale dell’Ilva di Taranto. Un guardiano e un romeno sono in gravi condizioni mentre un altro vigilante e’ rimasto ferito in modo piu’ lieve. E’ accaduto ieri sera all’interno di un cantiere di un’impresa dell’appalto dell’impianto siderurgico e i due guardiani feriti sono dipendenti della stessa Ilva: un 37enne di San Giorgio Jonico e un 36enne di Taranto. I due e il ladrosono precipitati per circa 6 metri: uno ha riportato una frattura a una caviglia ed e’ stato dimesso gia’ nella serata di ieri, piu’ critiche, invece, le condizioni dell’altro vigilante, ricoverato con prognosi riservata per un trauma cranico e sottoposto gia’ ieri ad una Tac. Le sue condizioni, pero’, si apprende da fonti sindacali, sarebbero stabili e non sarebbe in pericolo di vita. Gravi invece le condizioni del ladro romeno, ora in coma farmacologico. L’uomo, poco prima di essere scoperto e inseguito dai due vigilanti, aveva rubato cavi di rame da tre centrimetri di sezione. L’azienda aveva subito un altro furto analogo lo scorso 1 maggio. Ieri sera tardi, a poche decine di metri dall’area di cantiere, durante un sopralluogo compiuto dalla Polizia di Stato, dai vigilanti dell’Ilva e dal capo cantiere dell’impresa appaltatrice sono stati rinvenuti tre spezzoni di cavo elettrico da 3 centimetri di sezione e lunghi ciascuno circa 10 metri tagliati da una bobina depositata nel cantiere. Oltre a quello subito l’1 maggio, l’azienda aveva denunciato altri furti di cave di rame in passato e segnalato alla Polizia che i ladri di rame scappano saltando la recinzione che divide l’area di cantiere da un’altra area utilizzata da un’altra ditta al momento in disuso. (AGI) .

(AGI) – Milano, 4 mag. – “La legge elettorale che io penso e spero sara’ stasera approvata dal Parlamento ha un grande elemento di chiarezza”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nel suo intervento in Borsa, davanti ai rappresentanti delle societa’ quotate. “La priorita’ del nostro governo e’ stato realizzare pacchetto riforme non particolarmente inedito”, ha premesso. Il presidente del consiglio, e’ arrivato in piazza Affari a Milano per partecipare a un incontro con le societa’ quotate organizzato dalla Borsa italiana. Il premier era accompagnato dal consulente Andrea Guerra ed e’ stato accolto all’ingresso di palazzo Mezzanotte dal presidente della Borsa italiana, Massimo Tononi, e dall’amministratore delegato, Raffale Jerusalmi. All’incontro sono presenti i vertici dei maggiori gruppi italiani; partecipano anche le societa’ del Progetto Elite di Borsa italiana. “C’e’ un tessuto vivo dinamico e forte” che e’ il “sistema imprenditoriale italiano”, ha detto il presidente del Consiglio. .

(AGI) – Roma, 4 mag. – Sono oltre 2.000 i migranti soccorsi dalle navi della Marina Militare dall’uno al tre maggio nelle acque dello Stretto di Sicilia, tra Lampedusa e la Libia. Questa mattina nel porto di Reggio Calabria la fregata Bersagliere sbarchera’ 778 migranti soccorsi nei giorni scorsi in 5 differenti eventi SAR. Il pattugliatore Vega sbarchera’ nel porto di Augusta 675 migranti soccorsi nei giorni due e tre maggio in tre interventi SAR. A bordo del pattugliatore Bettica ci sono 654 migranti recuperati in 4 interventi di soccorso. Nella notte una donna, imbarcata gia’ in travaglio, ha dato alla luce una bambina. Entrambe sono in buona salute. Il pattugliatore Foscari ieri sera ha soccorso un gommone in difficolta’ trasbordando i 103 migranti sulla M/V Zeran.

Immigrati: almeno 10 migranti sono morti

Il pattugliatore Borsini ha effettuato questa notte un intervento SAR nei confronti di un gommone con a bordo 99 migranti. La Marina Militare e’ intervenuta anche con un team sanitario di nave Borsini a bordo del rimorchiatore MED OTTO (ITA), intervenuto in precedenza in soccorsi ad imbarcazioni di migranti, per uno screening sanitario richiesto dal comandante dello stesso rimorchiatore. I medici della Marina Militare, dopo aver appurato il decesso di due migranti a bordo del rimorchiatore, sono rientrati a bordo di nave Borsini. .

(AGI) – Pechino, 4 mag. – Valzer di poltrone in vista ai vertici dei giganti statali dell’energia cinese, dopo le decine di funzionari indagati per corruzione a partire dal 2013, e che settimana scorsa hanno colpito anche il vertice di Sinopec, con l’avvio di un’inchiesta formale nei confronti dell’ex presidente, Wang Tianpu. Nei giorni scorsi avrebbe annunciato il ritiro ai fedelissimi anche l’attuale ceo del gruppo, Fu Chengyu, che negli ultimi mesi aveva disseminato diversi indizi di una completa rivoluzione all’interno del gruppo, con il greggio non piu’ core business delle attivita’ del colosso statale. Al posto di Fu, nel gruppo entrerebbe il vice direttore dell’Accademia di Ingegneria, Wang Yupu, con un’esperienza quasi trentennale nel settore delle esplorazioni di greggio in Cina. Cambiamenti in vista anche per un altro dei gruppi del greggio cinese, China National Offshore Oil Corporation. Wang Yilin, ceo del gruppo passera’ a China National Oil Corporation (Cnpc), e le sue funzioni verranno ricoperte dal presidente del gruppo, Yang Hua. L’annuncio dell’avvicendamento al vertice e’ atteso per le prossime ore. Le voci dei possibili avvicendamenti arrivano dopo il susseguirsi di rumors, finora ufficialmente smentiti, di una possibile fusione dei due maggior gruppi del greggio statali, Cnpc e Sinopec, inizialmente svelate da fonti interne al settore nel febbraio scorso. Anche con nuovi capi, la filosofia dei grandi gruppi del greggio cinese non e’ destinata a cambiare, secondo gli analisti. I nuovi presidenti “verranno nominati solo per eseguire i progetti fissati dallo Stato” ha spiegato al South China Morning Post Lin Boqiang, direttore del centro di ricerche di economia energetica dell’Universita’ di Xiamen, nel sud-est della Cina. Le differenze, secondo altri analisti europei del settore citati dal quotidiano di Hong Kong, potranno riguardare sopratutto lo stile nella conduzione degli affari dei gruppi, come gia’ a viene oggi: sia Fu che Yang, sottolineano gli esperti, sono figure di esperienza e capaci di comunicare con l’estero, mentre Wang Yilin, mancava del carisma dei primi due. .

(AGI) – Houston, 4 mag. – Sparatoria in Texas una gara di vignette su Maometto. Secondo quanto riferito dal portavoce della polizia di Garland, i due attentatori sarebbero stati uccisi mentre un agente e’ rimasto ferito. La polizia e’ alla ricerca di un’auto con dell’esplosivo. Il Curtis Culwell Center, dove era in corso la competizione che avrebbe assegnato 10.000 dollari al vincitore, e’ stato chiuso impedendo a chiunque di lasciare l’edificio mentre i negozi della zona circostante sono stati evacuati. La manifestazione, organizzata dalla American Freedom Defense Iniziative, era stata preceduta dalle polemiche perche’ considerata anti-Islam. Gli organizzatori si erano difesi dichiarando di voler semplicemente esercitare il loro diritto di espressione. Alla gara hanno partecipato 350 contendenti con caricature su Maometto.

Rivendicazione su Twitter, “sono simpatizzanti dell’Isis”

I due assalitori armati non sono ancora stati identificati, ha precisato il portavoce della polizia Garland, Joe Horn, durante una conferenza stampa, spiegando che i corpi dei due uomini si trovano ancora vicino alla loro auto. “Il rischio principale e’ rappresentato al momento dalla possibile presenza di esplosivo nell’auto ora al vaglio degli artificieri”, ha detto Horn spiegando che l’organizzazione dell’evento, al quale hanno preso parte circa 200 persone compreso il politico olandese anti-Islam Geert Wilders (che e’ sulla lista nera di Al Quaeda) e’ stata monitorata “per mesi” dalle forze dell’ordine.

Sparatoria con 2 morti in Texas, paura a gara vignette su Maometto

 

La sparatoria e’ avvenuta intorno alle 19, ora locale. Secondo il comunicato pubblicato dalla citta’ di Garland su Facebook, i due uomini uccisi hanno esploso dei colpi di arma da fuoco contro un agente di sicurezza davanti all’edificio dove era in corso la competizione: il Curtis Culwell Center. L’agente e’ rimasto ferito ma non e’ in pericolo di vita. La manifestazione, secondo gli organizzatori, e’ stata ideata in risposta al massacro di Charlie Hebdo a Parigi e le vignette in gara sarebbero state oltre 350.

Il politico ultraconservatore populista olandese, Geert Wilders, era tra gli ospiti della gara. “Alcuni colpi sono stati sparati all’evento di Garland sulla liberta’ di espressione con vignette su Maometto. Ho appena lasciato l’edificio”, ha twittato Wilders alle 19.52 ora locale. (AGI)

Flag Counter
Video Games