Admin | Iconiks
Newsletter
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Admin

Wall Street apre debole dopo il rally di ieri. Il Dow Jones scende dello 0,05% a 25.544 punti, lo S&P cala dello 0,13% a 2.836 punti e il Nasdaq arretra dello 0,36% a 7.777 punti.

Tredici ponti o passerelle sul fiume Arno, 10 ponti sul torrente Ema e altrettanti sulla Greve e sul Terzolle, 22 ponti sul Mugnone, sette sul Mensola e uno sul torrente Affrico, e anche 9 cavalcaferrovia e 4 cavalcavia. Per tutte queste opere d'arte stradali (sono 198 in tutto, compresi anche i passaggi sui fossi e canali) è attivo un 'cervellone', ovvero un software di gestione chiamato 'Bridge' che permette di tenere sotto costante osservazione questi manufatti e programmare interventi laddove necessario.

Inoltre da quest'anno l'amministrazione ha deciso di investire maggiori risorse nella manutenzione straordinaria, e a breve partirà il Global service per la gestione unitaria delle strade e quindi anche dei ponti. "A Firenze – dichiara il sindaco Dario Nardella – i ponti sono costantemente controllati: siamo consci dell'importanza della sicurezza delle opere pubbliche e l'amministrazione non lavora in emergenza ma da sempre segue un piano di manutenzione e sorveglianza predefinito che ci fa intervenire dove necessario.

Cos'è Global service

A settembre partirà il Global service, che oltre alle strade si occuperà anche dalla manutenzione ordinaria e straordinaria dei ponti con un appalto che vale poco meno di 37 milioni di euro per tre anni. Inoltre da quest'anno per interventi di straordinaria manutenzione sia su pavimentazioni stradali che ponti è previsto un importo aggiuntivo di 3 milioni di euro da decidere sulla base delle esigenze.

Il budget annuale nell'ultimo quinquennio per interventi di manutenzione straordinaria di piccola entità è stato di 500.000 euro. In totale dal 2018 investiamo il 30% in più di risorse. Inoltre per poter proseguire sistematicamente nelle attività di valutazione dello stato dei ponti abbiamo provveduto alla formazione del personale interno, mediante la partecipazione a corsi specialistici che hanno permesso a due dipendenti ingegneri di acquisire la qualifica di Ispettore di Ponti (uno di Secondo Livello ed uno di Primo Livello)".

La gara del Global service è stata vinta da un raggruppamento temporaneo di imprese costituito da AVR spa come capogruppo e da Sodi Strade srl, Smart Engeenering srl e Hydea srl, che per tre anni (rinnovabile di ulteriori tre anni) sarà quindi responsabile delle attività di pianificazione, programmazione, progettazione, organizzazione, direzione ed esecuzione delle attività. Il tutto sotto la supervisione e il controllo dell'Amministrazione tramite una task force tecnica dedicata.

'Bridge', l'anagrafe dei ponti

Per quanto riguarda il software 'Bridge', implementato dalla società 4Emme Service di Bolzano, è stato sviluppato dal Comune di Firenze in collaborazione con il CIAS (Centro Internazionale di Aggiornamento Sperimentale-Scientifico) a partire dal 2011, quando il Servizio Viabilità della Direzione Nuove Infrastrutture e Mobilità ha rilevato la necessità, per garantire una migliore gestione del patrimonio dei ponti sulla viabilità comunale, di mettere in atto un servizio di censimento, ispezione, monitoraggio e controllo.

Bridge è una sorta di anagrafe dei ponti: è basato su una serie di ispezioni visive necessarie per compilare le schede di valutazione della condizione generale di degrado dell'opera. All'interno del programma sono disponibili e catalogati tutti i dati relativi alle opere della rete derivanti da documentazione o rilevati dalle ispezioni (profilo stradale, dati storici, fotografie, ecc.). In Bridge sono disponibili tutte le informazioni relative alla valutazione numerica della condizione dei vari ponti, oltre alle informazioni relative a passati interventi di manutenzione/ripristino della struttura.

Nel programma è inoltre possibile inserire dati relativi alle indagini dinamiche eventualmente effettuate sul ponte. Per la gestione dei ponti stradali e delle altre opere di arte (viadotti, sottopassi, sovrappassi) è previsto un processo a cascata costituito dalle operazioni di:

  • sorveglianza permanente (attività di normale controllo del piano viabile)
  • vigilanza, (attività eseguita ogni 3 mesi o successivamente ad un evento eccezionale, su tutte le opere censite e su tutti gli elementi visibili delle opere
  • manutenzione ordinaria e straordinaria,
  • interventi statici di restauro, adeguamento, ristrutturazione.
  • ispezione (l'ispezione semplice è l'attività di controllo eseguita ogni 2 anni su tutti i ponti di luce (distanza tra due appoggi) maggiore di 2,40 metri, mentre l'ispezione complessa è l'attività di controllo eseguita da tecnici formati in modo da elaborare dati oggettivamente confrontabili per le diverse opere ed al trascorrere del tempo, su tutti i ponti di luce maggiore di 6 metri. Per fare alcuni esempi, per luci fino a 10 metri è prevista un'ispezione complessa ogni 10 anni, per luci fino a 20 metri ogni 6 anni, per luci maggiori di 20 m un'ispezione complessa ogni 3 anni. Il personale incaricato delle visite deve individuare ogni eventuale segno di degrado dell'opera, da fessurazioni a rigonfiamenti, da distacchi di materiale a deformazioni a corrosioni, scalzamento delle fondazioni.  

E proprio un problema alle fondazioni è quello di cui 'soffre' Ponte Vespucci. Progettato dall'ingegner Riccardo Morandi, è sotto costante osservazione da tempo e sarà oggetto dal mese di settembre di interventi per il consolidamento delle fondazioni. Nel 2016, grazie a un'indagine condotta dall'anno precedente con l'Università di Firenze, dipartimento di ingegneria civile e ambientale, è emersa una erosione dell'alveo del fiume in corrispondenza della pila in sinistra idraulica (lato piazza Cestello) con scalzamento dei pali di fondazione del Ponte. Sono state effettuate prove di carico per la valutazione della sicurezza del ponte, e lo stesso è stato quindi dotato di un certificato di idoneità statica con limiti alla transitabilità.

Oggi è prevista una limitazione di transito per i mezzi di carico a 20 tonnellate. I lavori sono stati assegnati a luglio, costeranno un milione e 450 mila euro e l'avvio è previsto a settembre in due periodi: il primo da settembre a novembre, e il secondo da marzo 2019. Si prevede di intervenire per il risanamento delle fondazioni e il ripristino dell'alveo portando mezzi e materiali dalla rampa che dal Torrino di Santa Rosa scende in Arno. Se le lavorazioni potranno essere eseguite "dal fiume" come oggi progettato non si prevedono particolari limitazioni al traffico sul ponte ad eccezione di piccole fasi di lavoro.

Una delle probabili cause dello scalzamento della pila potrebbe essere correlata alla presenza della Pescaia di Santa Rosa che è posta in diagonale all'asse del fiume e che ha causato una deviazione della corrente. Dopo la Pescaia, infatti, la corrente del fiume per un tratto non segue l'asse del fiume e colpisce la platea di fondazione in diagonale e non in asse alla pila del ponte. Per quanto riguarda l'altro ponte fiorentino progettato da Morandi, il ponte di San Niccolò, è prevista la realizzazione dei giunti di dilatazione che permetteranno fra l'altro l'eliminazione delle fessurazioni visibili sulla carreggiata stradale in corrispondenza degli appoggi.

Gli interventi degli ultimi anni

Fra gli interventi più significativi eseguiti negli ultimi anni si ricordano:

  • la completa ristrutturazione del ponte di Via San Martino a Mensola sul torrente Mensola;
  • la ricostruzione della passerella pedonale sul torrente Mensola;
  • il rifacimento della passerella delle Cascine;
  • il rifacimento dei giunti del viadotto dell'Indiano (ancora in corso)  
  • la sostituzione dei dispositivi di appoggio della rampa dello stesso viadotto lato Via Pistoiese,
  • ripristino della guaina di protezione di alcuni stralli
  •  il rivestimento protettivo delle testate di ancoraggio degli stessi sia lato Cascine che lato Isolotto.

Sempre a proposito dell'Indiano, fra il 2000 ed il 2003 è stata effettuata una serie di rilevanti interventi di manutenzione straordinaria al termine della quale, nel 2004, sono state effettuate delle prove dinamiche di verifica del comportamento della struttura ed in particolare dello stato di funzionalità degli stralli. Una parte di queste prove sono state ripetute nel 2013, per verificare eventuali modifiche di comportamento degli stralli rispetto alle prove precedenti, ed hanno avuto esito positivo Inoltre, sempre nel 2013 sono state eseguite le verifiche sulle testate di ancoraggio degli stralli. 

 Il Parlamento pakistano ha eletto l'ex campione di cricket Imran Khan, uscito vincitore dalle ultime elezioni politiche, premier del Paese. Il suo partito, Tehreek-e-Insaf, aveva ottenuto 115 seggi nell'Assemblea nazionale, tra le accuse delle opposizioni che hanno denunciato brogli in tutto il Paese.

La notizia la dà il giornale online Lettera 43: “Riunione segreta stamattina (venerdì 17 agosto, ndr) a Milano dei top manager Benetton sui fatti di Genova". Al tavolo il sito diretto da Paolo Madron indica tra i presenti "Fabio Cerchiai e Marco Patuano (presidente e ad di Edizione) e il numero uno di Autostrade Giovanni Castellucci".

Al Meeting “hanno partecipato i rappresentati di alcuni studi legali allo scopo di mettere a punto le iniziative per gestire le conseguenze della tragedia di Genova”, scrive il sito. “La riunione è stata organizzata anche in vista dei consigli di amministrazione di Atlantia e Autostrade, previsti rispettivamente per martedì 21 e mercoledì 22 agosto. Le due aziende stanno mettendo a punto alcune iniziative risarcitorie per andare incontro alle persone colpite dal dramma”.

Di quello di cui si è discusso, però, non si sa ancora molto. Facile ipotizzare però che al meeting si sia discusso della richiesta di dimissioni di Castellucci avanzate dal governo all’indomani dei fatti di Genova. Ma anche il pagamento di una multa da 150 milioni e il risarcimento alle famiglie, che è quello che i ministri Di Maio e Salvini hanno chiesto per il crollo del ponte Morandi, ma soprattutto la revoca delle concessioni, che è quello che il premier Conte ha promesso di fare nei prossimi mesi.

"C'è la volontà politica certa di togliere le concessioni ad Autostrade"

Intenzione ribadita oggi su Facebook da Di Maio: "Lo dico chiaramente, cè una volontà politica certa: Vogliamo revocare le concessione ad Autostrade per l'Italia […] Non si può continuare a far finta che nulla sia accaduto. Questa gente – aggiunge – continua a far pagare il pedaggio senza portare manutenzione ordinaria e straordinaria ed e' ora di dire basta. Hanno scritto che il Governo frena, falso, il Governo accelera e revocherà le concessioni". 

Una conferma che aggrava la situazione di Atlantia, la holding che possiede Autostrade, che in un solo giorno ha bruciato 4,2 miliardi di capitalizzazione trascinando giù tutto il comparto. Un tracollo che spinto addirittura la Consob a mettersi in contatto con Palazzo Chigi per invitare “ad evitare dichiarazioni mal calcolate, potenzialmente in grado di turbare i mercati causando danni agli investitori”. Nella seduta del 17 agosto il titolo invece ha tentato un rimbalzo e dopo le perdite del 23% ha recuperato il 3.

 Edifici inagibili, gente in strada e statale 647 'Bifernina' ancora chiusa a causa dei controlli al viadotto del Liscione. Il Basso Molise si è svegliato sotto shock e fa i conti con il terremoto. Centinaia le persone che hanno dormito in auto o nelle tende predisposte in poche ore dalla Protezione civile regionale. A Montecilfone, epicentro del sisma, sono inagibili la chiesa, l'ufficio postale, alcuni abitazioni e diversi negozi. Decine di squadre dei vigili del fuoco sono al lavoro su tutto il territorio per evadere le centinaia di richieste di verifiche alle abitazioni, che continuano ad arrivare. Restano difficili, al momento, i collegamenti tra Campobasso e la costa, sulla SS 647. I tecnici dell'Anas, con l'ausilio di sommozzatori dei vigili del fuoco, stanno effettuando controlli ai pilone del viadotto che attraversa la diga in terra battuta più grande d'Europa. La strada sarà riaperta solo al termine delle verifiche. 

Un tribunale turco ha respinto un nuovo appello del pastore americano Andrew Brunson, ai domiciliari con l'accusa di spionaggio e terrorismo. Lo riferiscono i legali del pastore. La sua detenzione è al centro di una crisi diplomatica tra Ankara e Washington. 

Sulle pagine del Jump Magazine, a cui il videogioco sarà dedicato, Bandai Namco ha rivelato alcuni nuovi personaggi per Jump Force. Arrivano quindi i primi rappresentati per Hunter x Hunter, capolavoro targato Togashi, cioè il protagonista, Gon Freecs, e uno degli antagonisti principali, Hisoka Morow. Nelle pagine di presentazione si può vedere come Gon avrà anche la sua forma adulta, vista alla fine della famosa saga delle Formichimere.  Inoltre verrà aggiunto anche uno stage a New York City, scelta azzeccata considerando come una delle saghe di Hunter x Hunter si svolga in una New York fittizia, chiamata Yorkshin City.

Inoltre entreranno in scena anche un altro paio di personaggi dall’opera di punta di Shonen Jump, One Piece. Dopo i già annunciati Zoro e Luffy, verranno inseriti nel gioco Marshall D. Teach, detto Barbanera.

L’articolo Jump Force aggiunge nuovi personaggi da One piece e HunterxHunter proviene da GameSource.

“Penso che sarebbe doveroso, per rispetto e vicinanza a Genova e ai parenti delle vittime, che anche il campionato di calcio sabato e domenica si fermasse. Non lasciamo sole le squadre genovesi, business e interessi televisivi possono attendere”. Ad affermarlo è il ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

Dopo l’uscita di Monster Hunter World per console il 26 gennaio di quest’anno (che è stato già recensito qui) finalmente questo titolo è stato rilasciato anche nella sua versione per PC.

Monster Hunter World ha avuto fin da subito un successo così sbalorditivo da aver superato la quota di 8,3 milioni di copie digitali scaricate per console, e in poche ore dal rilascio per PC ha registrato circa 236.644 giocatori loggati in contemporanea (il più grande record di un titolo lanciato su Steam nel 2018) e inoltre è il titolo che per la stessa piattaforma ha venduto di più in Giappone.

Monster Hunter World

Il motivo di tutto questo successo è la continuità della saga, con il quinto capitolo di Monster Hunter per i veterani, ma anche la possibilità per i giocatori che si approcciano per la prima volta al titolo di riuscire a capire velocemente le meccaniche base del gioco. Con un introduzione che ti lascia immaginare fin da subito quali difficoltà dovrai aspettarti durante le tue avventure, il titolo mostra alcuni dei suoi paesaggi stupenti facendo risaltare tutti gli sforzi e il duro lavoro del team di sviluppo.

Altri elementi che ci fanno capire quanto Capcom ci tenga a questo titolo sono per esempio i vari eventi che vengono rilasciati in modo da proporre nuove sfide a tutti i cacciatori. Per esempio l’evento in collaborazione con Final fantasy XIV dove bisogna sconfiggere il Behemoth (potete trovare la guida qui).

Monster Hunter World

Con una storyline davvero coinvolgente, Monster Hunter riesce a stupire tutti, considerando che la finalità del gioco è la caccia ai mostri: però la storia è soltanto un contorno in confronto a quanto il titolo ci propone durante le innumerevoli ore di gioco.

Infatti saremo continuamente impegnati con missioni secondarie, dalla ricerca di materiali per gli scienziati di Astera, alla pesca o ancora dalle spedizioni per costruire gli accampamenti. In più possiamo avventurarci in spedizioni in cerca di nuovi elementi con lo scopo di aumentare le caratteristiche delle nostre armi e armature.

Monster Hunter World

Capcom in questo titolo si è dedicato sopratutto ai neofiti del gioco modificando alcune meccaniche del gioco in modo da permettere a tutti di capire più velocemente alcuni concetti che, per chi non si è mai approcciato al genere, possono risultare ostici.

Per esempio la forgia delle armi presenta uno schema molto intuitivo mostrando i vari miglioramenti che un arma può avere. Nel caso il risultato finale non soddisfi le aspettative si può regredire di uno step e riottenere i materiali impiegati.

Monster Hunter World

Un altro punto di forza di Monster Hunter World è il Multiplayer, col quale anche le missioni più difficile e noiose verranno completate nel migliore dei modi. Il primo aspetto fondamentale di questa modalità è la possibilità di creare o far parte di una squadra allo scopo di creare un circolo privato di caccia, le cui sessioni sono visibili solo ai membri che ne fanno parte. Inoltre, la nuova funzione del “drop-in” giunge in soccorso dei malcapitati che si ritroveranno da soli dopo aver iniziato una quest in Multiplayer.

Cercando di rendere più chiaro il concetto, vi basta sapere che in passato un semplice errore di rete da parte di un altro giocatore poteva lasciarvi da soli in una missione piuttosto difficile. Grazie al drop-in, un cacciatore potrebbe unirsi alla vostra sessione di gioco anche mentre siete già impegnati in una caccia e se nessuno dovesse mostrarsi di sua volontà potete sempre lanciare un razzo SOS, il quale comunicherà a tutti gli utenti collegati una richiesta di aiuto.

Monster Hunter World

Tutti questi aspetti del gioco che già da soli presentano dei punti di forza per Monster Hunter World vengono racchiusi in un qualità audio e video ottima. Il doppiaggio di ogni personaggio e ben curato e per la prima volta nella saga è presente anche in italiano.

I video che vengono mostrati durante il gameplay aiutano il giocatore a rilassarsi e distrarsi un po’ prima o dopo una missione, soprattutto quando ci rechiamo dalla forgia o dalla mensa.

Monster Hunter World


Monster Hunter World è un gioco lungimirante pronto a intrattenere per lunghe e godibili ore di caccia, ancor di più con amici. In più con tutti gli eventi gratuiti che Capcom propone i giocatori vengono invogliati ancora di più ad avventurarsi e ad aumentare la propria collezione con set diversi. E se non siete familiari con la serie, non c’è miglior occasione per cominciare la vostra vita da cacciatore se non con Monster Hunter World!

L’articolo Monster Hunter World – Recensione PC proviene da GameSource.

Flag Counter